DOCX pericolo costante…

In pura teoria, tutti i formati Microsoft sono documentati, e quelli che terminano con X – “sempre in pura teoria” – sono anche aperti.

Nella realtà, sono aperti ma documentati in modo parziale o intenzionalmente incompleto o errato, per cui l’interoperabilità è spesso difficile se non impossibile.

A questo si aggiunge il fatto che molti documenti sono creati in modo errato con Microsoft Office, e gli errori vengono riprodotti in modo altrettanto “errato” con LibreOffice.

Questo succede, in particolare, con le tabelle, gli elenchi puntati e numerati, e in genere tutte le formattazioni che esulano dalla norma e richiedono una conoscenza anche minima dell’uso del PC.

La soluzione affidarsi ai file ODT che non generano alcuna cattiva sorpresa !

Oppure ai consolidati PDF .

foto di Lug IlTux Manzoni.
foto di Lug IlTux Manzoni.